Mascherine: dove metterle quando non si usano

mascherine-personalizzate-

Chi avrebbe mai pensato che sarebbe arrivato un momento storico in cui avremmo iniziato a usare quotidianamente delle mascherine per uscire di casa? Eppure è così: da quasi sette mesi le mascherine protettive sono diventate un elemento imprescindibile, da portare con sé praticamente ogniqualvolta si esce di casa. Per andare a lavoro, per andare al bar, per andare al supermercato, per andare al ristorante, per andare lì dove si sa che ci saranno altre persone, e che sarà impossibile mantenere il distanziamento necessario. Certo, a partire dal momento dell'introduzione dell'obbligo di indossare la mascherina anti-Covid 19, le regole sono cambiate parecchio, talvolta con norme atte ad aumentare i divieti, altre volte con delle modifiche normative volte a dare più libertà. Eppure le mascherine sono ancora tra noi, e probabilmente resteranno un elemento di uso quotidiano per molto, molto tempo. Del resto il fatto di indossare una mascherina è un sacrificio tutto sommato ridotto, se si pensa quanto può essere utile per arginare contenere la pandemia! Per questo motivo, fin dalla scorsa primavera, ci siamo attrezzati per distribuire mascherine filtranti protettive, personalizzate e non, monouso o lavabili, per permettere a tutti i nostri clienti di avere sempre una mascherina filtrante pronta all'uso. Ma non basta averla: la mascherina va anche usata nel modo giusto. In tanti, passata la fase drammatica dell'emergenza, hanno invece iniziato a usare la mascherina con una certa leggerezza, indossando per giorni la medesima mascherina monouso, toccandola con le mani non igienizzate o, ancora, appoggiandola ovunque tra un utilizzo e l'altro. Così facendo, però, si rischia di vanificare l'utilità stessa della mascherina!

Come usare la mascherina correttamente

Le regole per usare la mascherina nel modo corretto sono chiare. É necessario prima di tutto lavarsi le mani con sapone o con una soluzione alcolica, quindi indossare la mascherina toccando i solo elastici laterali, per poi fare aderire la mascherina al mento e al naso. Durante l'utilizzo non si deve mai toccare la mascherina: se si desidera riposizionarla, è bene usare sempre e solo i lacci laterali. Per rimuoverla, si usano le stesse precauzioni usate per indossarla, toccando i soli elastici e lavandosi le mani immediatamente dopo. Ma dove mettere la mascherina tra un utilizzo e l'altro?

Dove mettere la mascherina quando non si usa

Una cosa è certa: la mascherina non va appoggiata su una superficie a caso, né messa semplicemente in tasca. Questo perché non può rischiare di venire a contatto con superfici non completamente pulite, e perché non può essere sgualcita o danneggiata, per non comprometterne le funzionalità. Eppure, quando si entra in un ristorante e ci si siede al tavolo per mangiare, o quando ci si siede alla scrivania a lavoro, è possibile togliere la mascherina: dove appoggiarla? La soluzione ideale è costituita dal porta mascherine Pocket Shield, comodo, flessibile e leggero, che permette di mettere al sicuro la mascherina e quindi di riporla in borsa o in tasca. Sul nostro sito puoi ordinare dei comodi portamascherine e quindi personalizzarli con il tuo logo o con un'altra immagine, per distribuirli ai tuoi clienti o ai tuoi collaboratori!



iotiSTAMPO.it Feedaty 4.6 / 5 - 302 feedbacks